Giovedì, 05 Novembre 2015 13:45

Giuseppe Gioacchino Belli - Tutti i sonetti romaneschi - Una lingua nuova

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Citazione:

 

Una lingua nova

Cuer Giammaria che tt’inzurtò a Ttestaccio,
e mmo assercita l’arte de la spia,
passava mercordí dda Pescaria
co ttanto de tortore sott’ar braccio.
Ner travedello, io che nun zo che ssia,
ma nu lo pòzzo sscerne cuer mustaccio,
arzo un zercio da terra, e ppoi jje faccio:
"A la grazzietta padron Giammaria".
"Chi è?" ddisce svortannose er gabbiano:
e, ppunf, in ne li denti io je rispose
co cquer confetto che ttienevo in mano.
"Nun ve pijjate pena de ste cose",
dico "perché cquest’è, ssor paesano,
la lingua de parlà co le minose".

Informazioni aggiuntive

  • Author: Giuseppe Gioacchino Belli
  • Title: Tutti i sonetti romaneschi - Una lingua nuova
  • Date edition: 1998
  • ISBN: 88-8183-802-8
  • Editor: Newton & Compton
Letto 30950 volte Ultima modifica il Venerdì, 20 Novembre 2015 12:52

Salita Monte de' Cocci
Roma, Lazio.
Italia ,00153

Contattaci

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro 95 00185
Roma, Italia
Email: info@mediageo.it
Tel: +39 0662279612
Sito: www.mediageo.it 
logo mediageo

Search