Mercoledì, 04 Novembre 2015 14:15

Belli - Tutti i sonetti romaneschi - Er tisico

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Citazione:

 

Er tisico

Cuesto oggnuno lo sa: ppila intronata
va ccent’anni pe ccasa: e tte l’ho ddetto.
Mó mm’accorgio però cch’er poveretto
sta vviscino a ssonà lla ritirata.
Già ffin dar tempo che sposò Nnunziata
le scianche je fasceveno fichetto;
e ffinarmente s’è allettato a lletto
perch’era ppiú ll’usscita che ll’entrata.
Nun tiè ppiú ffiato da move le bbraccia:
e cchi lo va a gguardà ssu cquer cusscino,
je vede tutta Terrascina in faccia.
Io metterebbe er collo s’un quadrino
che nnu la cava: e ggià la Commaraccia
secca de Strada-Ggiulia arza er rampino.

Informazioni aggiuntive

  • Author: Giuseppe Gioacchino Belli
  • Title: Tutti i sonetti romaneschi
  • Date edition: 1998
  • ISBN: 88-8183-802-8
  • Editor: Newton & Compton
Letto 10108 volte Ultima modifica il Venerdì, 20 Novembre 2015 12:54

147 Via Giulia
Roma, Lazio.
Italia ,00186

Contattaci

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro 95 00185
Roma, Italia
Email: info@mediageo.it
Tel: +39 0662279612
Sito: www.mediageo.it 
logo mediageo

Search